Index of First Lines

I. Northern Songs

A quindici anni facevo l’amore (Carrozze Son Già Preparate, Le)

Addio bei giorni passati, mia piccola amica ti devo lasciar (Piemontesina Bella)

Addio, mia bella, addio (Addio, Mia Bella, Addio)

Addio morettin ti lascio (Addio Morettin Ti Lascio)

Ai 24 ma di Settembre (Ai 24 Ma di Settembre)

A la sera seren serena la bella figlia la va a spassar (Scior Sindich, El)

Alla mattina mi sono alzato (Bella Ciao)

All’osteria della Rosa Bianca c’è una figlia da marità (Mamma Mia Dammi Cento
Lire)

Al mio biroccio ci manca i fanali (Occhi della Cameriera, Gli)

Amami me che sono re (Donna Lombarda)

Amor amor amor e la rosa è un bel fior (Da Milan Fin a Turin)

Amore mio non piangere (Allo Spontar degli Alberi)

Amor, dammi quel fazzolettino (Amor, Dammi Quel Fazzolettino)

Ancora un litro di quel bon (Ancora, Un Litro di Quel Bon)

Andaremo sull’alte montagne (Andaremo Sull’Alte Montagne)

Appena giunti sul Monte Sabatino (Monte Sabatino)

Aprite le porte (Aprite le Porte)

Aveva gli occhi neri, neri, neri (Aveva gli Occhi Neri, Neri, Neri)

Bella ragazza dalle treccia bionda (Babbo Non Vuole)

Bella, se vuoi venir nel mio più bel giardin (Nel Mio Più Bel Giardin)

Bevè bevè compare se no ve mazzerò (Bevè Bevè Compare)

Bevevano i nostri padre? Sì (Bevè Bevè Compare)

Camerèe porta ‘n mezz liter (Camerèe Porta ‘n Mezz Liter)

C’erano tre sorelle, pianta de rosa e ramo de fior (Tre Sorelle, Le)

C’ereno tre sorelle, ahò, e tutte tre d’amor (Tre Sorelle, Le)

C’è una chiesa alpina dove già rintocca una campana (Chiesetta Alpina)

Che bel faccin che la g’ha (Sta Campagnola)

Come porti i capelli bella bionda (Come Porti i Capelli Bella Bionda)

Come sbocciano i prati smaglianti di fior (Paesanella)

Con la chitarra il cuore che fa tipiti tipiti ta (Per un Bacio d’Amor)

Con patate, con fagioli, l’insalata la ricciolina (L’è Rivà)

Da Milan fin a Turin (Da Milan Fin a Turin)

Da Trieste fin a Zara (Da Milan Fin a Turin)

Daghela ben biondina, daghela ben bionda (Te L’ho Detto Tante Volte)

Dammi un riccio dei tuoi capelli (Dammi un Riccio dei Tuoi Capelli)

Dansa pa desù lo fen (Papa Rogne)

Di qua, di là del Piave (or, di ponte) (Di Qua, di Là del Piave)

Donna Lombarda di Lombardia (Donna Lombarda)

Donna Lombarda, Donna Lombarda (Donna Lombarda)

Donne donne gh’è chì el magnano (Donne Donne gh’è Chì el Magnano)

Dormi mia bella, dormi (Dormi Mia Bella, Dormi)

Dove sé stato, mio bell’ Alpino (Dove Sé Stato, Mio Bell’ Alpino)

Dove ti vett, O Mariettina (Dove Ti Vett, O Mariettina)

E come la bora che viene che va che vien che va (Bora di Trieste, La)

E da Genova il Sirio partiva (Tragico Naufragio della Nave Sirio, Il)

E dopo aver mangiato, mangiato e ben bevuto (Di Qua, Di Là del Piave)

E duc mi clamin Cont, no ai nie ce conta (Plui Biel di Udin, El)

E il capitan della compagnia e l’è ferito (Testamento del Capitano, Il)

E la bella Gigogin col tremille lerillellera (Bella Gigogin, La)

È la figlia di un cinese s’è fatta monaca (Monachella, La)

E la notte, e la notte quasi scura (È la Notte, È la Notte Quasi Scuro)

E lassu sulla montagna, gh’era su ‘na pastorella (Pastora, La)

E le stellete che noi portiamo son disciplina (Tu Sei la Stella di Noi Soldà)

È la Violetta, la va la va (Violetta, La)

E me sun chi in filanda (E Me Sun Chi in Filanda)

E mi la donna bionda la vori no (E Mi la Donna Bionda La Vori No)

E mi son chi in filanda (Bionda, Bella Bionda)

E mi sont chi in filanda (E Me Sun Chi in Filanda)

E picchia picchia la porticella (E Picchia Picchia la Porticella)

E po lasèlo, e, e . . . e! (Canti dei Battipali – 3)

E se le corne fosse lo lampion (O Mamma Mia Che Illuminazion)

E se son pallida dei miei colori, non voglio dottori (Vinassa, Vinassa)

E sul Cervino c’è una slavina, l’è la rovina di noi Alpin (Vinassa, Vinassa)

E tu biondina capricciosa garibaldina tru la la (Tu Sei la Stella di Noi Soldà)

Eccole che la riva sta bele moscardine (Sul Ponte di Bassano)

El ciodo de fero vecio (Ciodo de Fero Vecio, El)

El gobo Gideone la Rosina chiede in sposa (Fameja dei Gobon, La)

El merlo ga perso el beco (Merlo Ga Perso el Beco, El)

El vin l’è bon, l’è bel bicer, xe mejo na serva che un cavalier (Vin l’è Bon, El)

Era nato poveretto (Era Nato Poveretto)

Era sera, era sera d’un giorno di festa (Era Sera)

Evviva evviva il regimento (Evviva Evviva il Regimento)

Galleto qua, galleto là, il mio galleto l’è mai a cà (Mio Galleto, Il)

Gh’è tante signorine che sül cappello gh’a (Gh’è Tante Signorine)

Gherdëina, Gherdëina (Gherdëina, Gherdëina)

Gira la baracca gira gira (Camerèe Porta ‘n Mezz Liter)

Gobo so pare, gobo so mare (Fameja dei Gobon, La)

Gran Dio del cielo se fossi una rondinella (Gran Dio del Cielo)

Guarda che bianca luna, guarda che ciel seren (Vieni sulla Barchetta)

Guarda che passa, la villanela (Bella Bimba)

Hai ragione cara mamma ma io l’adoro, son contento di morire sul suo bel seno (Mi Ha Detto Mamma)

Huei, come la bala ben quela lì (Scarpette Ricamate, Le)

I tuoi capelli son ricci e belli (Dammi un Riccio dei Tuoi Capelli)

Il capitan della compagnia egli è ferito (Testamento del Capitano, Il)

Il merlo ha perso il beco (Merlo Ga Perso el Beco, El)

Il mio galleto si g’ha una bella coda (Mio Galleto, Il)

Il quindici di agosto (Caserio)

Il sedici di agosto (Caserio)

Io le toccai i capelli (Amor Se Mi Vuoi Bene)

Io parto per l’America, parto sul bastimento (Io Parto per l’America)

J’ai cru trouver loin de la Doire (Valdôtaine, La)

La bela la va al fosso, ravenei, remulass, barbabietul e spinass (see Linda La Va al Fosso, La)

La bella bionda di Voghera (Bionda di Voghera, La)

La bella figlia del borghese e che per acqua la se n’va (Figlia del Borghese, La)

La bella va in cantina cava èl vin, cava èl vin, cava èl vin (Bella Va in Cantina, La)

La bêrgèra larga i môtôn (Pastora e il Lupo, La)

La biondina in gondoleta (Biondina in Gondoleta, La)

La c’eran tre sorelle, pianta di rosa e ramo d’amor (Tre Sorelle, Le)

La domenica andando alla messa (Domenica Andando alla Messa, La)

La dosolina la va di sopra e la si mette a tavolino (Dosolina, La)

La Linda la va al fosso col bigoli col bigolai bigolin dai dai (Linda La Va al
Fosso, La)

La mia mamma la mi diceva (Te L’ho Detto Tante Volte)

La mia morosa vecchia (Mula de Parenzo, La)

La mia nonna l’è vecchierèlla (Mia Nonna L’è Vecchierèlla, La)

La montanara, ohè! (La Montanara)

La mula de Parenzo (Mula de Parenzo, La)

Là nella valle c’è un’osteria, l’è l’allegria, l’è l’allegria (Vinassa, Vinassa)

La partenza da Parigi (Partenza, La)

La tradotta che parte da Torino (Tradotta, La)

La vien giù de la montagna compagnata lo signore (Figlia d’un Pastore, La)

La vien giù de le montagne con le sèce su le spale (La Vien Giù)

Lassù per le montagne tra boschi e valli d’or (Montanara, La)

Lassù sulla montagna con me ti porterò (Sulla Montagna)

Le carrozze son già preparate (Carrozze Son Già Preparate, Le)

L’è rivà, l’è rivà, l’è rivada la bella biondina (L’è Rivà)

Le scarpette ricamate, ricamate di seta nera (Scarpette Ricamate, Le)

L’inverno l’è passato (Canto del Cucù, Al)

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar (Mamma Mia Dammi
Cento Lire)

Mamma solo per te la mia canzone vola (Mamma)

Mamma son tanto felice perchè ritorno da te (Mamma)

Maria Giuana l’era ‘n su l’uss (Maria Giuana)

Mia cara madre io parto . . . (Monte Sabatino)

Mi ha detto mamma col gli occhi di pianto (Mi Ha Detto Mamma)

Mi sentire de l’amore quando mi bacia Teresa (Quando Mi Bacia Teresa)

Mi son Alpin, me pias el vin (Sem Valtellin)

Moretto, moretto, è l’un bel giovinetto (Moretto, Moretto)

Muoio, muoio per te mio galleto (Mio Galleto, Il)

Nel giardino tu sei la mia rosa (Carrozze Son Già Preparate, Le)

Noi ‘altri giovanotti gliela faremo fare (Vicino alla Marina)

Noi som Alpin, a n’ piase ‘l vin (Sem Valtellin)

Non far la sbarrazzina (Non Far la Sbarrazzina)

Non ti potrò scordare, piemontesina bella (Piemontesina Bella)

Non ti ricordi quella liete sere che tu passavi accanto a me (Ricordati della Bruna)

Num Semm Alpin, ghe pias el vin (Sem Valtellin)

O Angiolina, bel’ Angiolina (O Angiolina)

O Baccicin vàttêne a cà (Ancora un Litro di Quel Bon)

O belle donne che ci il magnano (È Arrivato il Magnan)

O bundì, bundì, bundì, ‘ncura na volta (Monferrina, La)

O ce biel, o ce biel chischiel a Udin (O Ce Biel, O Ce Biel Chischiel a Udin)

O che bel fior, ohi che bel fior (Ohi della Val Camonica)

O cià cià Maria Catlina, dummie dummie na si assià (Monferrina, La)

O come mai, povera Emma (Povera Emma, La)

O dime ‘n pò, dona Lombarda, lo to marì (Donna Lombarda)

O Dio del cielo se fossi una rondinella (Gran Dio del Cielo)

O donna donna donna lombarda (Donna Lombarda)

O Donna Lombarda, vieni via con me (Donna Lombarda)

O figlia, la mia figlia (O Figlia, la Mia Figlia)

O macchinista, getta il carbone (O Macchinista, Getta il Carbone)

O mamma mia che illuminazion (O Mamma Mia Che Illuminazion)

O mia Rosina, tu mi piase tanto (Campagnola, La)

O pescator dell’onda, fi da lin, vien pescar più in qua (Pescatore Dell’Onda, Il)

O pescatore dell’onda, ‘na pura bella fiore d’amor (Pescatore Dell’Onda, Il)

O pescator del mare, pianta di rosa e ramo d’amor (Tre Sorelle, Le)

O Pinnotta bella Pinotta una grazia vorrei da te (Pinotta, La)

O quanta bella questa campagnola (Morosa Campagnola, La)

O Scior Sindich, O Signor Sindich (Scior Sindich, El)

O vaga fanciula dagli occhi di venti (O Vaga Fanciula)

Oggi tutti il cielo è in festa (Fiorin Fiorello)

Oh issa e (Canti dei Battipali – 2)

Oh issa oh issa eh (Canti dei Battipali – 1)

Oh . . . Oh . . . spazzacamin, ho freddo, ho fame, son poverino (Canzone dello
Spazzacamino)

Ohi bella se vuoi venire su’l omnibus (Ohi Bella Se Vuoi Venire)

Ohi della Val Camonica (Ohi della Val Camonica)

Osteria numero zero (uno, due, etc.) (Osterie, Le)

Padri e madri abbraciate a suoi figli (Tragico Naufragio della Nave Sirio, Il)

Papa rogne, mama dit ren (Papa Rogne)

Pellegrin che vien da Roma, a va l’birosch (Pellegrin Che Vien da Roma)

Per un bacio d’amor, O bella bruna (Per un Bacio d’Amor)

Perchè non m’ami più (Mula de Parenzo, La)

Polenta e baccalà (Mula de Parenzo, La)

Primo lo fa entrare, e poi lo fa sedere (Spazzacamin, El)

Quando canta il suo Alfredo (Quando Canta il Suo Alfredo)

Quando ero piccina, piccina (Bionda, Bella Bionda)

Quando fa notte in compagna non si va (Sta Campagnola)

Quando lieta passi la mattina (Non Far La Sbarrazzina)

Quando saremo a Reggio Emilia (Reggio Emilia)

Quando sarò in America, sposo un’americana (Io Parto per l’America)

Quando scendi dai tuoi monti, paesanella (Paesanella)

Quando se pianta la bella polenta (Bella Polenta, La)

Quattro ciodi de fero vecio (Ciodo de Fero Vecio, El)

Quel mazzolin di fiori (Quel Mazzolin di Fiori)

Quel momento che sto ver morire (Quel Momento)

Quelle stradelle che tu mi fai far (Quelle Stradelle)

Rataplàn tambur io sento (Bella Gigogin, La)

Sale vecchio nel pra vache (Giulietta)

Sciur padrun da li béli braghi bianchi (Sciur Padrun da li Béli Braghi Bianchi)

Se con i sassi se fare palazzi (L’è Rivà)

Se con la paglia se fare i cappelli (L’è Rivà)

Se il mare fosse di tocio (Mula de Parenzo, La)

Se tu vens cassù tas cretis (Stelutis Alpinis)

Sei tu, la vita, e per la vita non ti lascio mai più (Mamma)

Sem Valtellin, a n’ piase ‘l vin (Sem Valtellin)

Senti le rane che cantano (Senti le Rane che Cantano, postscript to Allo Spontar degli Alberi)

Senza corrente non marcia motore (Quando Mi Bacia Teresa)

Sincero nel amor (Mula de Parenzo, La)

Son Bersaglier di sangue bon, tengo l’innamorata (Son Bersaglier di Sangue Bon)

Su e giù per la contrade, di qua e di là si sente (Spazzacamin, El)

Sul cappello, sul cappello che noi portiamo (Evviva Evviva il Regimento)

Sul Monte Grappa ci sta una ricciolina (Sul Monte Grappa)

Sul Ponte di Bassano là ci darem la mano (Sul Ponte di Bassano)

Te l’ho detto tante volte (Te L’ho Detto Tante Volte)

Ti ricordi quelle sere quando stadi vicino a me (Ricordati della Bruna)

Trenta giorni di nave a vapore (Trenta Giorni de Nave a Vapore)

Tutti dicon che sono smortina (Smortina, La)

Tutti mi chiamano bionda (Mula de Parenzo, La)

Tutti ne ván pe a Meriche (Tutti ne Ván pe a Meriche)

Tutti vanno per le Americhe (Tutti ne Ván pe a Meriche)

Uhe, come la bala ben quela lì (Scarpette Ricamate, Le)

Un ciodo de fero vecio (Ciodo de Fero Vecio, El)

Un giorno andando a spasso (Nel Mio Più Bel Giardin)

Urto il Sirio un terribile scoglio (Tragico Naufragio della Nave Sirio, Il)

Va l’Alpin su l’alte cime, passa a volo lo sciator (Va l’Alpin)

Varda che passa, la villanela (Bella Bimba)

Venti giorni sull’Ortigara (Ta Pum!)

Vicino alla marina dove c’è un bello stare tru la la (Vicino alla Marina)

Vieni piccina, non farmi più soffrir (Sulla Montagna)

Vieni sulla barchetta, vien’ morettina, vien’ (Vieni sulla Barchetta)

Viva l’amor biondina, viva l’amor bionda (Te L’ho Detto Tante Volte)

Viva l’amore, l’amore, l’amor che vien che va (Gh’è Tante Signorine)

Viva Viva il Regimento (Evviva Evviva il Regimento)

Vorrei la cameriera (Occhi della Cameriera, Gli)

Xe rivà (bum) xe ‘rivada una bela biondina (L’è Rivà)

II. Central Songs

E la Menica con il cembalo la frullana sonerà (Vendemmia, La)

Emigrante che viene, emigrante che va (Emigrante che Viene, Emigrante che Va)

La romanina cantando vien dal gianicolo in fiore (Romanina, La)

Lasciatela passare, la bella romanina (Romanina, La)

O Bambino mio Divino Io te vedo qui a tremar (Tu Scendi dalle Stelle)

O campagnola bella, tu sei la reginella (Reginella Campagnola)

O sanctisima, o piisima (O Santissima)

O santissima, o piisima (O Santissima)

Quando me’n vo’ soletta per la via (Quando Me’n Vo’)

Quattro cavai che trottano sotto la timonella (Quattro Cavai che Trottano)

Romagna mia, Romagna in fiore (Romagna Mia)

Scaramella va alla guerra colla lancia et la rotella (Scaramella Va alla Guerra)

Sento la nostalgia del passato, dove la mamma mia ho lasciato (Romagna Mia)

Sotto un manto di stelle Roma bella mi appare (Chitarra Romana)

Suona, suona mia chitarra, lascia piangere il mio cuore (Chitarra Romana)

Svegliatevi dal sonno ubriaconi, che giunta è per voi la gran cuccagna (Vendemmia,
La)

Tu scendi dalle stelle, O Re del Cielo (Tu Scendi dalle Stelle)

Tutti mi dicon maremma maremma (Maremma Amara)

Un bel di vedremo levarsi un fil di fumo (Un Bel Di Vedremo)

Un giorno dal mio paese io son partito (Emigrante che Viene, Emigrante che Va)

III. Southern Songs

A Marechiare nce sta na fenesta (Marechiare)

Addio mia bella Napoli, addio, addio (Addio a Napoli)

Ah! Che bell’aria fresca ch’addora e malvarosa (‘I Te Vurria Vasà)

Aissera, Nanninè, me ne sogliette, tu saie addò, tu saie addò (Funiculì, Funiculà)

Allu tiempu de li Lupini (Allu Tiempu de li Lupini)

Aràpate fenesta! Famme affacia a Maria (Maria, Marì)

Catarì, Catarì, pecche me dici sti parole amare (Core ‘Ngrato)

C’è la luna mezz’o mare (C’è la Luna in Mezzo al Mare)

Che bella cosa na jurnata ‘e sole (‘O Sole Mio)

Chi stò ‘o paese d’ ‘o sole, chi stò ‘o paese d’ ‘o mare (‘O Paese d’o Sole)

Comm’ è bella ‘a muntagna stanotte (Tu Ca Nun Chiagne)

Core, core ‘ngrato t’aie pigliato ‘a vita mia (Core ‘Ngrato)

Dorme ‘o mare, voca, voca, tutt’e pace attuorno a me (Piscatore ‘e Pusilleco)

E tu dice “I’ parto, addio!” tan luntana da stu core (Torna a Surriento)

Eh compari, ci vo sunari. Chi ci sono? U friscalettu. (Eh Compari)

‘I te vurria vasà, ‘i te vurria vasà (‘I Te Vurria Vasà)

Jammo, jammo, jammo jammo jà (Funiculì, Funiculà)

La lario la pisce fritta baccalà (C’è la Luna in Mezzo al Mare)

La lario la salsicc’ e baccalà (C’è la Luna in Mezzo al Mare)

Ma n’atu sole cchiù bello oi nè, ‘o sole mio sta ‘nfronte a te (‘O Sole Mio)

Ma nun me lassà, nun darme stu turmiento (Torna a Surriento)

O scetate, O scetate, scetate Caruli . . . (Marechiare)

Oe Marì, Oe Marì (Maria, Marì)

Ogge stò tanto allero ca quase quase mme mettesse a chiagnere (‘O Paese d’o Sole)

Oi’ ne’, fa priesto viene! Nun me fa spanteca’. (Marenariello)

Oje Marì, Oje Marì (Maria, Marì)

Parlami d’amore Mariù (Parlami d’Amore Mariù)

Partono ‘e bastimente p’ ‘e terre assaje luntane (Santa Lucia Luntana)

Pepino oh you little mouse, why don’t you go away (Pepino the Italian Mouse)

Pepino u suricillu ma fattu scumbarì (Pepino the Italian Mouse)

Piscatore ‘e stu mare ‘e Pusilleco (Piscatore ‘e Pusilleco)

Quanno sponta la luna a Marechiare (Marechiare)

Santa Lucia, luntana ‘a te quanta malincunia (Santa Lucia Luntana)

Scetate, Carulì, ca l’aria è doce (Marechiare)

Scura maie, scura maie, tu sei morte e chinda faccie (Scura Maie)

Se la rosa non è spinosa lu garrofalu è n’autra cosa (Allu Tiempu de li Lupini)

So marenare e tiro ‘a rezza (Marenariello)

Sul mare luccica, l’astro argento, placida è l’onda, prospero è il vento (Santa Lucia)

Tu, ca nun chiagne, e chiagnere me faie (Tu Ca Nun Chiagne)

Tu nun’nce pienze a stu dulore mio (Core ‘Ngrato)

Tutt’ è passato e nun’nce pienze chiù (Core ‘Ngrato)

Vicino ‘o mare facimmo ammore a ccore a ccore (Marenariello)

Vide ‘o mare quant’e bello! Spira tantu sentimento. (Torna a Surriento)

Voglio a te, voglio a te, quest’ uocchie te vonno n’ atra vota vedè (Tu Ca Nun
Chiagne)

#################################################

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s